TRASLATE MY PAGE

venerdì 4 dicembre 2015

Pesticidi in agricoltura, la classifica delle regioni italiane più virtuose.


Il Dossier “Stop Pesticidi 2015” pubblicato pochi giorni fa da Legambiente presenta dati solo parzialmente incoraggianti riguardo l’obiettivo di progressiva diminuzione dell’uso dei pesticidi in ambito nazionale. Dal 2010 al 2013, infatti, rispetto ad una riduzione del -3,3% della superficie agricola utilizzata, la quota dedicata a produzione di tipo biologico è aumentata di un +23,1%. E […]


Il Dossier “Stop Pesticidi 2015” pubblicato pochi giorni fa da Legambiente presenta dati solo parzialmente incoraggianti riguardo l’obiettivo di progressiva diminuzione dell’uso dei pesticidi in ambito nazionale. Dal 2010 al 2013, infatti, rispetto ad una riduzione del -3,3% della superficie agricola utilizzata, la quota dedicata a produzione di tipo biologico è aumentata di un +23,1%. E questo è un dato positivo, anche se, da quanto traspare dall’ultimo rapporto Eurostat, il nostro paese è ancora al primo posto in Europa per l’uso di prodotti chimici e di sintesi in agricoltura. E come è facile intuire, tanto maggiore è l’uso di pesticidi nei campi, tanto maggiore è il residuo che arriva sulle nostre tavole.

I dati che abbiamo estrapolato dal dossier di Legambiente (qui il documento integrale) sono forniti dai laboratori pubblici, Istituti Zooprofilattici e Agenzie per la Protezione Ambientale, in seguito ad analisi eseguite a campione su prodotti agricoli e derivati (vino, olio, miele, farina, ecc.).

La valutazione complessiva non è positiva. Siamo ancora lontani dagli obiettivi prefissati e in certi casi, come ad esempio la rilevazione di “multiresiduo”, si è registrato un peggioramento rispetto al dato del 2012 con un 22,4% rispetto al precedente 17,1%.

La percentuale di campioni regolari (entro i valori stabiliti dalla normativa) e privi di alcun residuo di pesticida è dimunuita dal 64% al 58%, mentre sono aumentati al 42% i valori di campioni regolari contenenti almeno un residuo.


Quelle che seguono sono le classifiche delle regioni per categoria prodotto (verdure, frutta e prodotti derivati) rappresentate in ordine decrescente a partire dalla regione più virtuosa, sulla base dei dati percentuali inseriti alla voce “campioni regolari senza residui“, ovvero, chi ha il maggior numero di prodotti “puliti”, cioè privi di sostanze chimiche residue, vince la competizione.



Infografica di Franz Mannino per il Post Viola




Fonte:violapost.it

Nessun commento :

Posta un commento