TRASLATE MY PAGE

domenica 18 gennaio 2015

w #VanessaeGreta - ʍ #Gasparri


Domenico Garreffa


Siamo davvero caduti in basso, è da troppo tempo che questa classe politica di geronti, introdotta molti anni fa nei Palazzi romani del potere continua a disattendere le necessità del nostro paese e le richieste di gran parte del popolo italiano. 
Non è sufficiente l' incapacità professionale dimostrata dai politici Nazionali per raschiare il fondo del barile, per demolire definitivamente la loro etica culturale si servono dei socialnetwork.
In particolar modo oggi mi riferisco a questo tweet del senatore Gasparri:


Stento a credere, che un rappresentante delle più alte cariche istituzionali d'Italia possa scrivere determinate affermazioni. Stento a credere che un Senatore della Repubblica Italiana, non sia consensiente e partecipe a favore della  liberazione di due donne, di due concittadine rapite in missione umanitaria, in un paese che pare abbandonato a se stesso e alle sue guerre.

La rete in questi giorni si è mobilitata con i dissensi nei confronti di Vanessa e Greta, tralasciando che andare in missione comporta solo guadagni morali, recandosi per passione dove necessitano di aiuto, cosa che fa onore ad esse ed al nostro paese.
I paesi in guerra sono tanti nel mondo, ma se tutti avessimo il coraggio di adottare questa passione le guerre non avrebbero motivo di esistere. (l'unione fa la forza)
Innumerevoli lamentele sulla cifra del riscatto ipotizzato, mentre nulla è confermato da fonti reali, ma che anche se fosse, non vedo valore estimabile per salvare due vite umane, capaci di andare incontro a territori di miseria e sofferenza devastati dalla guerra, quello che molti non hanno valutato è che esse sapevano di non andare in crociera, ma di svolgere una devozione...in missione si va per passione, la stessa che spinge a dare aiuto dove necessita.

Gasparri (come molti in rete) fa comprendere dai suoi tweet di non percepire questa passione, nonostante dovrebbe difenderla e tutelarla.
Siamo davvero caduti in basso, invece di cercare esposizione mediatica con i frutti della propria professione, mostrando disciplina nella capacità di rapportarsi con le reali necessità che il popolo aspetta, cerca un esposizione mediatica sfruttando qualunque mezzo, pur pubblicando cazzate su tweeter.

Maurizio Gasparri, più che politico per professione fa l'ospite in TV, nel 2014 è stato tra i maggiori protagonisti di Tweet e retweet. (qualche mese fa insultò una ragazza sovrappeso) 
Sembra mostrare una passione per insultare via rete, priva di etica annessa alla sua carica da senatore.

La dedizione ai principi, l’etica, l’onestà, l’ottica di servizio, dovrebbero essere qualità irrinunciabili per qualsiasi politico, prima delle capacità, prima delle competenze. Chi fa politica svolge una missione che è più grande, più importante di quella di un medico: il medico cura gli individui; il politico cura la collettività.
Gasparri non cura...necessita di una cura.




Nessun commento :

Posta un commento