TRASLATE MY PAGE

mercoledì 31 dicembre 2014

Buon Anno Italia ! ...e Buon Presidente.

 Domenico Garreffa

31 Dicembre 2014, questa sera l'ultimo discorso di fine anno del Presidente Napolitano.
Napolitano dovrebbe annunciare le sue dimissioni nel rituale discorso di fine anno e lasciare l’incarico nelle settimane successive, la notizia mai smentita trapela dalle testate giornalistiche da mesi.
Una quasi certezza è che il 2015 porterà agli Italiani un nuovo Presidente della Repubblica, e con essa l'inizio del grande gioco per la rielezione del suo successore, che date le condizioni politiche della Nazione farà bacillare i mercati Internazionali.


In principio il Presidente candidato al Quirinale doveva avere una caratteristica primaria: Patriottismo.
Nell'arco degli anni questo senso di dovere verso la patria è stato affievolito, sia dai cittadini e conseguentemente dai politici, in notevole esibizione da quelli che ricoprono alte cariche istituzionali.
Oggi i politici hanno assunto altre caratteristiche primarie: intrecci economici.
La probabile scelta del nuovo Presidente ricade esclusivamente su un nome che abbia un comune denominatore: rapporti esteri.
Questa è la caratteristica che maggiormente ha storicamente portato le Nazioni più piccole a soccombere, rincorrendo ad alleanze con Stati più potenti, come ad esempio in Europa.
Il meccanismo innescato dalle maggiori potenze Mondiali è inarrestabile, spread, mercati di borsa, patti e leggi a beneficio dell'incremento per le disuguaglianze sociali, in un proseguire destinato a dare solo profitti a pochi clan che detengono la reale proprietà del denaro, e dei debiti pubblici Nazionali: le banche.
La politica non ha più ruolo, la dignità di vivere si è persa insieme al patriottismo.

L'Augurio migliore per il 2015, è quello di sperare che il cittadino Italiano nel nuovo anno scoperchi il patriottismo coperto da futili speranze, dimenticatosi di essere il maggioritario unico nel dettare le sorti del paese.

Nella prospettiva di quando i politici erano anche dei pensatori, e la politica era ancora una parola nobile, si esprimevano senza gobbi e dettati scritti da altri:

Link:https://www.youtube.com/watch?v=w6C0TNrTxI0



Nessun commento :

Posta un commento