TRASLATE MY PAGE

venerdì 5 dicembre 2014

Attenzione alla truffa Sda e Poste Italiane: finte e-mail con virus.


L’ultimo caso è il tentativo di truffa via email che sta circolando in questi giorni, si tratta di strane email ricevute da Sda e Poste Italiane, ma che in realtà sono inviate da malintenzionati allo scopo di installare un virus sui computer delle vittime e poi chiedere un riscatto.

Proprio cosi, infatti cliccando sui contenuti presenti in queste email truffa che vengono inviate come informazioni su presunte spedizioni SDA o Poste Italiane, ovvero cliccando sul file PDF presente all’interno del messaggio di posta elettronica, verrà installato un software malevolo che bloccherà il computer e renderà illegibili tutti i documenti presenti nel pc.


Quindi l’utente si ritroverà una schermata che blocca il computer e richiede il pagamento di una somma di denaro consistente, alcune centinaia di euro, in cambio della restituzione dei propri file e dello sblocco del pc.

Un nuovo tipo di riscatto che ricorda quello della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri o della Guardia di Finanza, ma stavolta gli hacker hanno scelto di sfruttare il nome delle Poste Italiane e di Sda in quanto in questo periodo natalizio risulta più credibile visto che si potrebbe realmente credere di star aspettando una spedizione o consegna di regali o prodotti ordinati online.

Per difendersi da questa truffa il primo consiglio è naturalmente quello di non aprire questo tipo di email sospette e di evitare assolutamente di cliccare sui link presenti al loro interno, sopratutto se sono state identificate come spam dal proprio servizio di posta elettronica.

Anche un buon antivirus aggiornato potrebbe aiutare a prevenire questo tipo di problemi, ma non vi è nessuna certezza che riuscirà ad identificare e bloccare questi file malevoli.


Se ormai avete già commesso l’errore e il vostro computer o i vostri file risultano bloccati in attesa del riscatto, allora vi consiglio di contattare la polizia postale per segnalare l’accaduto e poi provare a sbloccare il computer seguendo i consigli di un nostro precedente articolo o portando il computer in un centro di assistenza per farlo ripristinare.




Fonte : Gekissimo.net




Nessun commento :

Posta un commento