TRASLATE MY PAGE

martedì 4 novembre 2014

Spending Review. Il taglio sulle auto blu è irrisorio, appena il 3%.



-Redazione- Si sarebbe dovuto partire dalle auto blu e dalla loro riduzione, con la vendita su Ebay, e poi, via via, altri tagli per diminuire gli sprechi della Casta. Purtroppo, però, così non sembra essere stato, anzi, a mostrarlo lo stesso sito del ministero, dove sono riportate le rilevazioni del Formez.


Il titolo è: "Nel primo trimestre 2014 risparmiati altri 22,7 milioni di euro". 
Come si è arrivati a questo calo ci si chiede? 

Dalla vendita delle auto blu (con le aste su ebay) e con la diminuzione delle vetture in carico alla Pa. Secondo  il Formez, le auto blu (vetture di rappresentanza guidate da un autista) sono passate dalle 6.340 unità del 1° gennaio alle 6.136 unità del 1° aprile.

Il parco auto, stimato complessivamente, è sceso da 56.123 a 54.938 vetture (-2,1%) delle quali 204 auto blu (-3,2%). In questo trend si distinguono, dice il Formez, le amministrazioni centrali rispetto a quelle locali. La diminuzione, nel primo caso è stata del 7,7%, nel secondo dell’1,7%. La Sicilia è quella che conta il maggior numero di auto blu con 800 vetture, ovvero il 17,5% del totale di queste vetture in possesso degli enti locali. Seguono la Campania con 497, la Lombardia con 485 e la Puglia con 359. Ma pure c’è chi avanza dubbi sull’operato dei ministeri che, norme alla mano, oggi non possono disporre di più di 5 auto blu per funzionari e sottosegretari. 

I dati del Formez parlano di 1.255 dismissioni, cioè vetture che non sono più nella disponibilità dell’ente e di queste 212 sono le odiatissime auto blu (pari al 16,9% del totale). Le cifre ufficiali mettono in evidenza abitudini dure a morire. Anche se il governo sta studiando incentivi e sanzioni per quanti si mostrano esageratamente riottosi.

Secondo Franco Maccari del sindacato Coisp: "Se un cambiamento c'è stato è nella rimodulazione" ovvero se una macchina, prima, era assegnata a un leghista, ora è assegnata all'esponente di un altro partito.

Per Giorgio Innocenzi, segretario del Consap: "Tanto rumore per nulla, davvero appare un'operazione di facciata. Anche l'asta su ebay è stata un bluff, di quelle auto è andata venduta solo una minima parte". 

Oronzo Cosi, segretario del Siulp, affonda: "Le poche auto vendute non sono mai state ritirate. Ossia, le offerte sono state fatte, le aste chiuse ma i soldi non si sono visti e gli acquirenti neanche. Per fare una valutazione complessiva occorre attendere però ancora qualche mese". 


Fonte: articolotre



Nessun commento :

Posta un commento