TRASLATE MY PAGE

sabato 8 novembre 2014

Renzi e Università, un selfie dall'I-taglia.



di Massimo Ragnedda

Matteo Renzi taglia i fondi alle Università statali, come una Gelmini qualsiasi.
Il governo Renzi ha già previsto per il 2015 un taglio di circa 170 milioni di euro al Fondo di Finanziamento Ordinario delle Università statali.
Ma non contento di questi tagli, in questi giorni ha fatto intendere che ce ne saranno altri.
Tagli che si aggiungono ai tagli degli ultimi anni.


Renzi come un Tremonti qualsiasi (quello che la cultura non si mangia) o come una Gelmini qualsiasi (quella dei tunnel per intenderci).
Tagli, tagli e ancora tagli. Inutile ricordare a Renzi che il numero dei professori universitari (quelli che la Madia e la Boschi insultano con la loro intelligenza) è sceso da 37.200 nel 2008 a 29.500 nel 2013.
Il primo risultato di questo taglio del 20% dell'organico è, manco a dirlo, una riduzione della qualità della didattica e della ricerca. Il secondo risultato è un diffuso affidamento riposto su precari, spesso neanche pagati, che "volontariamente" si fanno carico delle falle del sistema. Migliaia di precari che si umiliano a insegnare o fare ricerca gratis in attesa di un posto al sole che, nella stragrande maggioranza dei casi, non arriverà mai.
E così il sistema Italia arranca, si indebolisce la competitività a livello internazionale, sempre più giovani laureati abbandonano questo paese e sempre più giovani considerano inutile la laurea. 
D'altronde, basta fare un confronto con le altre realtà europee per capire: la media europea degli studenti è del 70% (nella specifica fascia d'età) mentre in Italia è del 47%.
Ma ancora: la media dei laureati in Europa è del 36% nella fascia tra i 25 e i 34 anni, mentre in Italia è del 21%.
L'Italia è al penultimo posto per finanziamenti alla ricerca e all'Università.
Penultimo posto, ripeto.

E Renzi, quello del 'finanzieremo la ricerca, la scuola e le Università', ora taglia gli scarsi fondi che c'erano. Renzi come una Gelmini qualsiasi.



Fonte: megachip.globalist.it


Le false promesse del premier su La buona scuola, e la risposta di Piero Bernocchi presidente dei Cobas scuola:

Link: https://www.youtube.com/watch?v=0Em2OVbigtw




A calcoli fatti non è come afferma Renzi:

Link: https://www.youtube.com/watch?v=0hwjsY5yQa8




Nessun commento :

Posta un commento