TRASLATE MY PAGE

sabato 30 agosto 2014

IO ACCETTO... (video)


di Domenico Garreffa

Questo video pone delle riflessioni su quanto siamo raggirati da governi e istituzioni.
Riflessioni che scaturiranno in 12 minuti di video, che elenca le manipolazioni dell'esistenza la quale l'uomo è sottoposto.
L'indifferenza ha una forza così distruttiva che non può lasciare indifferenti. Distrugge l'umanità, disintegra la persona da dentro, radicandosi in essa, per poi riflettersi nell'intera società, nelle persone che ci circondano.
Nessuno dovrebbe accontentarsi di essere un semplice spettatore della propria vita...L'indifferenza resta il peggiore male sociale. 
Ad oggi ci ritroviamo in un economia mondiale che non sviluppa miglioramenti e speranze per un futuro migliore, nonostante le tecnologie siano state fatte a favore dell'uomo, queste riportano beneficio a poche lobby, mentre il resto dell'umanità soccombe agli stessi strumenti da esso creati.
Il tutto nella totale indifferenza sociale.
Chi vive nell'indifferenza non sa riconoscere i valori, vive nell'eterna confusione di quale possa essere il valore più importante e così non sa mai dove indirizzare la propria vita, vivrà come colui che non guarda il mondo pur avendo gli occhi aperti, divenendo vittima e carnefice di se stesso.

Di seguito il video ed il testo:



Link:https://www.youtube.com/watch?v=UA5jYUT_MEo#t=708



Testo del video:
-Miei cari amici,
ognuno di voi percepisce la strana sensazione che ci sia qualcosa di profondamente sbagliato in ciò che vede, molti tuttavia non sanno il perché né cosa sia
A prescindere dalle nostre convinzioni o idee politiche, il sistema messo in moto nel nostro mondo ”libero” si basa sul tacito accordo di un contratto che ciascuno di noi firma silenziosamente ogni giorno e che a grandi linee espongo

  • 1• Io accetto la competitività come struttura cardine del sistema in cui vivo, anche se mi rendo conto che questa genera frustrazione e rabbia nella maggior parte degli individui.
  • 2• Io accetto il fatto che per vivere debba limitare la mia vita ad un giorno della settimana, mentre gli altri 6 devono essere spesi lavorando per produrre, annichilendo un’intera esistenza.
  • 3• Io accetto di essere umiliato e sfruttato a condizione chemi sia permesso di umiliare e sfruttare un altro che occupi un posto inferiore al mio nella piramide sociale.
  • 4• Accetto che gli indigenti, i malati, e coloro che non riescono a restare a galla  vengano esclusi e messi a margine della società e gli vengano negate cure ed assistenza perchè questo costo sociale non può incidere sul benessere e sul progresso dei facoltosi, dei benestanti e dei fortunati.
  • 5• Accetto di pagare istituti privati affinchè gestiscano il mio reddito secondo la loro convenienza e che non mi diano alcun dividendo dei loro gigateschi guadagni (guadagni che serviranno per aggredire stati deboli creando spirali di debito infinito, fatto che accetto implicitamente). Accetto che mi si applichi un alto tasso di interesse per prestarmi denaro che viene creato dal nulla.
  • 6• Accetto che le banche internazionali prestino denaro ai paesi che vogliono armarsi e combattere, e così scegliere quelli che faranno la guerra e quelli che non la faranno. So che è meglio finanziare entrambe le parti, per essere certidi trarne profitto e di prolungare i conflitti più a lungo possibile, al fine di  prosciugare completamente le risorse dei paesi che non rusciranno a pagare i loro debiti.”potere politico. Accetto di pagare dei tributi obbligatori al mio governo, prelevandoli dal mio reddito, anche se questi non vengono utilizzati per migliorare la vita ed i servizi per i cittadini ma principalmente a ripagare gli interessi su un debito che i governi hanno contratto con dei banchieri privati. Mi impegno a non pretendere mai che le mie tasse siano usate per investimenti massivi nella sanità, nella ricerca scientifica e nella cultura. Compirò il mio dovere contribuendo al buon funzionamento della nostra economia.
  • 7• Accetto che il debito sia la principale forma di trattativa tra stati verso i cittadini anche quando questo porti ad una palese forma di schiavitù e sia economicamente insostenibile.
  • 8• Accetto si legalizzi l’omicidio quando la vittima sia indicata dal mio governo come ”il nemico”. In questo caso non chiederò prove di colpevolezza ed eliminerò il bersaglio senza remore. Accetto che la morte possa essere indotta lentamente dai governi con l’avvelenamento di  intere popolazioni tramite l’inalazione e l’ingestione quotidiana di  sostanze tossiche autorizzate.
  • 9• Accetto che si faccia la guerra per avere la pace. Accetto in nome di questo principio che la principale voce di spesa di uno stato sia per la difesa. Accetto che i conflitti siano creati artificialmente per alimentare il mercato delle armi e la crescita dell’economia mondiale.
  • 10• Accetto l’egemonia del petrolio nella nostra economia e che ogni forma di energia gratuita, non inquinante e libera venga soppressa e insabbiata. Lo accetto perché ogni forma di energia di questo tipo rappresenta un pericolo per l’umanità in quanto sarebbe la fine del mondo come lo conosciamo.
  • 11• Accetto che si divida l’opinione pubblica creando partiti di destra e di sinistra che avranno come unico scopo lottare tra loro, mentre io mi impegnerò a credere che le loro diatribe siano frutto di un sano scontro democratico utile per il nostro futuro. Inoltre accetto ogni tipo di divisione possibile purché quelle divisioni mi permettano di focalizzare la rabbia sui nemici scelti dall’alto, nel momento in cui mi sbandiereranno le loro foto davanti agli occhi.
  • 12• Accetto che gli industriali, militari e capi di Stato si riuniscano regolarmente, senza consultarci, per prendere decisioni che compromettano il futuro della nostra vita e del pianeta.
  • 13• Accetto che il potere di manipolare l’opinione pubblica, prima ostentato dalle religioni, sia oggi nelle mani di uomini d’affari non eletti democraticamente e totalmente liberi di controllare gli Stati. Lo accetto perché sono convinto del buon uso che ne faranno.
  • 14• Accetto che la verità sui fatti, mi venga raccontata da media controllati da pochi potenti individui. Questa verrà chiamata “verità ufficiale” e, anche se sarà una versione manipolata e distorta dei fatti, io mi impegno a non metterla in discussione e a non informarmi in maniera indipendente.
  • 15• Accetto che mi presentino notizie negative e spaventose del mondo ogni giorno, in modo da poter apprezzare fino a che punto io sia protetto da mio governo, dalla polizia e dai militari, e mi renda conto di quanto sia fortunato a vivere in Occidente. So che mantenere la paura nei nostri spiriti può essere solo un beneficio per noi.
  • 16• Accetto che l’idea della felicità si riduca alla comodità, l’amore al sesso, la libertà alla soddisfazione di tutti i desideri perchè è quello che la pubblicità ripete ogni giorno, accetto di essere infelice perchè più infelice sono più consumo.
  • 17• Accetto che il valore di una persona sia proporzionale a ciò che possiede e  che si apprezzi la sua utilità in funzione della sua produttività e non delle sue qualità, e che sia escluso dal sistema se non produce sufficientemente.
  • 18• Accetto di pagare per essere intrattenuto nel poco tempo libero che mi resta, attraverso la visione di spettacoli sportivi e di varietà vuoti di contenuti che generano movimenti abnormi di denaro. Lo accetterò perché la cultura è noiosa e pericolosa, mentre sapersi divertire con spensieratezza è la chiave di una vita felice.
  • 19• Accetto che la scuola e il nozionismo scolastico sia l’unica forma legittima e riconosciuta di formazione e non di appiattimento del senso critico e delle coscienze.
  • 20• Accetto senza discutere e considero come verità tutte le teorie proposte per spiegare i misteri dell’origine dell’essere umano. E considero incontrovertibilmente vero che la natura abbia dedicato milioni di anni per creare un essere il cui unico passatempo è la distruzione in pochi istanti della sua stessa specie e dell’ambiente dal quale dipende.
  • 21• Accetto di escludere dalla società gli anziani perché sono improduttivi e la loro esperienza seppur potrebbe esserci di insegnamento può essere sacrificata in nome del profitto.
  • 22• Accetto quindi la ricerca del profitto come fine supremo dell’Umanità e l’accumulo di ricchezza come realizzazione della vita umana.
  • 23• Accetto di sprecare e distruggere tonnellate di cibo al fine di tenere sotto controllo i prezzi delle azioni delle multinazionali in borsa piuttosto che permettere una equa distribuzione delle risorse alimentari sul pianeta ed evitare la morte per fame e sete di milioni di persone ogni anno.
  • 24• Accetto l’aumento dell’inquinamento industriale e la dispersione di veleni chimici ed elementi radioattivi nella natura. Accetto l’uso di ogni tipo di additivo chimico nella mia alimentazione perché sono convinto che, se vengono aggiunti, siano utili ed innocui. Accetto che i laboratori farmaceutici e le industrie agroalimentari vendano nei paesi del terzo mondo prodotti scaduti o utilizzino sostanze cancerogene vietate in Occidente.
  • 25• Accetto la deforestazione selvaggia di terre grandi come nazioni, accetto che sia possibile espropriare la terra ad interi popoli con la violenza in nome di multinazionali che sfrutteranno quei luoghi per arricchirsi senza condividere nulla con le popolazioni locali.
  • 26• Accetto che gli animali vengano abusati, torturati e nel migliore dei casi fatti estinguere, perché accetto di non riconoscere loro un posto come legittimi abitanti di questo pianeta al pari degli esseri umani. Accetto di credere che gli animali non provino emozioni, non abbiano coscienza e forma di empatia al pari degli umani.
  • 27• Accetto che le multinazionali derubino le risorse dei paesi impoveriti e schiavizzati dalla politica mondiale del debito in nome della progresso economico. Accetto che esistano leggi che permettano di sfruttare i bambini in condizioni disumane e precarie. Nel nome dei diritti umani e del cittadino, non abbiamo nessun diritto d’intrometterci soprattutto se questo ci permette di comprare merci sottocosto.
  • 28• Accetto che si possa denigrare, distruggere e cancellare dal pianeta ogni forma culturale diversa da quella occidentale, perché potrebbe far vacillare il cardine del benessere economico occidentale al quale ambisco quotidianamente.
  • 29• Accetto l’idea che esistano solo 2 possibilità in natura, cioè: cacciare o essere cacciati, e se siamo dotati di una coscienza e di un linguaggio, certamente non è per sfuggire a questa dualità, ma per trovare sofisticate giustificazioni al perché agiamo in quel modo.
  • 30• Accetto di credere che il nostro passato storico sia il risultato di una scia ininterrotta di conflitti casuali e non il preciso progetto perseguito nel corso dei secoli da lobbies di potere. Sono certo che siamo all’apice della nostra evoluzione e le regole che governano il nostro mondo sono la ricerca della felicità e della libertà per tutti i popoli, come ascoltiamo continuamente nei discorsi dei nostri politici.
  • 31• Accetto di credere di non poter fare nulla per cambiare lo stato attuale delle cose.
  • 32• Accetto di non fare nessuna domanda, di chiudere gli occhi su tutto questo e di non fare nessuna vera opposizione perché sono troppo impegnato con la mia vita e preoccupazioni. Accetto anche di difendere con la vita le clausole accettate in questo contratto se mi viene chiesto.
  • 33• Accetto quindi definitivamente nella mia anima e coscienza questa triste matrice che viene posta di fronte ai miei occhi e mi impegno ad astenermi dal vedere la realtà delle cose e mi rifiuto di credere che un altro modo di intendere l’esistenza sia possibile.

Accetto di credere che tutti voi agiate per il mio bene e quello di tutti e per questo vi ringrazio”.





Nessun commento :

Posta un commento